I numeri delle imprese

III trimestre 2021

 

Continua nel terzo trimestre del 2021 la dinamica positiva delle imprese, che conferma il progressivo superamento della fase acuta di stop causata dalla pandemia e dai conseguenti lockdown. Sono infatti sei i trimestri che consecutivamente mostrano numeri in crescita, dopo la battuta d’arresto del periodo gennaio-marzo 2020, nel pieno della prima ondata Covid.

Il bilancio della nati-mortalità nei tre territori della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi si presenta dunque in attivo, con un saldo tra iscrizioni e cancellazioni di +2.303 unità, dato complessivamente in linea con quello dell’anno precedente (era stato di +2.313). Il contributo più rilevante proviene ancora una volta dalla provincia di Milano (+2.062 il saldo, pari al 90% del totale della Camera), ma buoni sono stati anche i risultati della Brianza e del Lodigiano (rispettivamente +224 e +17 i saldi).

Il dettaglio dei flussi mostra però una lieve contrazione delle nuove imprese nate rispetto al terzo trimestre del 2020 (5.672 contro 5.803; -2,3%); un calo che ha interessato tutte e tre le aree, sebbene con differenziazioni significative nell’intensità (Milano -0,9%; Monza Brianza -9,6%; Lodi -3,7%).

A questo andamento delle iscrizioni si è accompagnata una parallela diminuzione delle cancellazioni, che infatti nel territorio accorpato sono state 3.369 rispetto alle 3.490 dello stesso trimestre dell’anno precedente (-3,5%). La flessione ha interessato però solo le province di Milano e Monza Brianza (rispettivamente -3% e -8,7%), mentre nel Lodigiano si è assistito a un aumento delle chiusure di attività economiche (+12%; +15 unità in valore assoluto).

Il tasso di natalità delle imprese dell’area aggregata è pari a 1,21%, pressoché identico rispetto al terzo trimestre del 2020 (1,22%); lo stesso dicasi per il tasso di mortalità (0,72% rispetto a 0,73% del 2020). Conseguentemente, si mantiene costante il tasso di crescita (+0,49%), dato superiore sia a quello medio lombardo (0,40%) sia a quello nazionale (0,36%).

A livello territoriale, Milano presenta il tasso di crescita più alto (+0,55%), seguita dalla Brianza (+0,3%); chiude Lodi con il più basso (+0,1%).

Passando dalla dinamica della nati-mortalità ai dati di stock, al 30 settembre 2021 sono 391.554 le imprese attive nei territori di competenza della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, numero in deciso aumento su base annua (+2,3%).

A livello settoriale, possiamo osservare l’ottimo andamento dei servizi, che sono decisivi per l’espansione del sistema imprenditoriale locale nel periodo qui considerato: +3,3% la variazione delle imprese attive rispetto allo stesso periodo del 2020. Si tratta del primo comparto produttivo nell’area, con 195.650 imprese, pari alla metà del totale. A livello territoriale la performance del settore è positiva in tutte e tre le province, in particolare a Milano (+3,5%) e Monza Brianza (+2,7%).

Dopo alcuni trimestri di sofferenza, torna a crescere anche il commercio, che riporta infatti un incremento del numero di imprese operanti (+0,8% nell’area accorpata). Ricordiamo che è stato uno dei settori che più ha subìto le conseguenze dell’emergenza sanitaria, ma che ora, evidentemente grazie alle progressive riaperture e alla ripresa dei consumi durante il periodo estivo, mostra i primi segnali di fiducia. Non si può dire lo stesso per l’industria manifatturiera, che subisce una nuova contrazione (-1,1%), ma meno profonda di quanto riportato nello stesso trimestre del 2020, quando il calo fu del 4,2%.

L’edilizia invece conferma un trend positivo, che in verità rileviamo da diversi trimestri, ma che in quello qui considerato si presenta assai consistente: +3,4% la variazione delle imprese attive su base tendenziale, un exploit su cui ha certamente inciso il super bonus ristrutturazioni.

Relativamente alle forme giuridiche, le società di capitali (159.081 imprese attive nelle tre province, che rappresentano il 40,6% del totale) si presentano in forte rialzo nel trimestre (+4,9%), mettendo a segno la performance migliore nel periodo. Anche le ditte individuali crescono in misura robusta (+1,5%), confermandosi vitali in un contesto sempre più strutturato dal punto di vista organizzativo, grazie soprattutto al contributo di Monza e Lodi, dove infatti sono ancora prevalenti. Nuova flessione per le società di persone, che sembrano aver perso appeal per gli imprenditori: -2,1% rispetto al terzo trimestre del 2020.

Tornano a crescere le imprese artigiane (+0,9%), dopo lo stallo del terzo trimestre del 2020. Performance sempre superiori alla media invece quelle delle imprese straniere (+5,1%), ma segnaliamo anche il buon andamento delle femminili (+2,7%), altra componente importante all’interno della compagine locale (18,2% del totale).

Infine, ancora in espansione le start up innovative: 2.851 unità a ottobre 2021, +12,3% su base annua. La maggior parte di esse è localizzata nella provincia di Milano (2.674 unità), che si conferma capitale nazionale, seguita a una certa distanza da Roma (1.479 unità).

 

 

 

 

 

Scopri tutti i numeri delle imprese consultando la dashboard.

Sommario